slideshow_inverno_001
slideshow_inverno_002
slideshow_inverno_003

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa estesa sui Cookie

I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell’erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle finalità di installazione dei Cookie potrebbero, inoltre, necessitare del consenso dell'Utente.

Cookie tecnici e di statistica aggregata

I Cookie tecnici hanno la funzione di permettere lo svolgimento di attività strettamente legate al funzionamento di questo spazio online. I Cookie tecnici utilizzati dal Titolare possono essere suddivisi nelle seguenti sottocategorie:
Cookie di navigazione, per mezzo dei quali si possono salvare le preferenze di navigazione ed ottimizzare l’esperienza di navigazione dell’Utente;
Cookie così detti “analytics”, per mezzo dei quali si acquisiscono informazioni statistiche in merito alle modalità di navigazione degli Utenti. Tali informazioni sono trattate in forma aggregata ed anonima;
Cookie di funzionalità, anche di terze parti, utilizzati per attivare specifiche funzionalità di questo spazio online e necessari ad erogare il servizio o migliorarlo.
Tali Cookie non necessitano del preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati.

Altre tipologie di Cookie o strumenti terzi che potrebbero farne utilizzo

Alcuni dei servizi elencati di seguito potrebbero non richiedere il consenso dell'Utente o potrebbero essere gestiti direttamente dal titolare – a seconda di quanto descritto – senza l'ausilio di terzi.
Qualora fra gli strumenti indicati in seguito fossero presenti servizi gestiti da terzi, questi potrebbero – in aggiunta a quanto specificato ed anche all’insaputa del Titolare – compiere attività di tracciamento dell’Utente. Per informazioni dettagliate in merito, si consiglia di consultare le privacy policy dei servizi elencati.

  • Commento dei contenuti
  • Interazione con social network e piattaforme esterne
  • Pubblicità
  • Remarketing e Behavioral Targeting
  • Statistica

Widget

Questo servizio permette di effettuare interazioni con questo spazio online direttamente dalle piattaforme esterne su cui è installato. L’installazione del servizio potrebbe comportare l’ulteriore installazione di strumenti di Google Analytics con IP anonimizzato. Per ulteriori informazioni in merito a Google Analytics si rinvia all’apposita sezione del presente documento.

Utilizzo da parte di minori

Gli Utenti dichiarano di essere maggiorenni secondo la legislazione loro applicabile. I minorenni possono utilizzare questo spazio online solo con l’assistenza di un genitore o di un tutore.

Come posso controllare l'installazione di Cookie?

In aggiunta a quanto indicato in questo documento, l'Utente può gestire le preferenze relative ai Cookie direttamente all'interno del proprio browser ed impedire – ad esempio – che terze parti possano installarne. Tramite le preferenze del browser è inoltre possibile eliminare i Cookie installati in passato, incluso il Cookie in cui venga eventualmente salvato il consenso all'installazione di Cookie da parte di questo sito. È importante notare che disabilitando tutti i Cookie, il funzionamento di questo sito potrebbe essere compromesso. Puoi trovare informazioni su come gestire i Cookie nel tuo browser ai seguenti indirizzi: Google Chrome, Mozilla Firefox, Apple Safari and Microsoft Windows Explorer.
In caso di servizi erogati da terze parti, l'Utente può inoltre esercitare il proprio diritto ad opporsi al tracciamento informandosi tramite la privacy policy della terza parte, tramite il link di Opt-Out se esplicitamente fornito o contattando direttamente la stessa.
Fermo restando quanto precede, il Titolare informa che l’Utente può avvalersi di Your Online Choices. Attraverso tale servizio è possibile gestire le preferenze di tracciamento della maggior parte degli strumenti pubblicitari. Il Titolare, pertanto, consiglia agli Utenti di utilizzare tale risorsa in aggiunta alle informazioni fornite dal presente documento.

Titolare del Trattamento dei Dati

Carrozzini Giorgio

P.IVA 11280041002 - C.F. CRRGRG72L05H501C
Via Umberto Giordano, 70 – 00124 Roma - Tel. 06.50.91.42.91

Dal momento che l'installazione di Cookie e di altri sistemi di tracciamento operata da terze parti tramite i servizi utilizzati all'interno di questo spazio online non può essere tecnicamente controllata dal Titolare, ogni riferimento specifico a Cookie e sistemi di tracciamento installati da terze parti è da considerarsi indicativo. Per ottenere informazioni complete, consulta la privacy policy degli eventuali servizi terzi elencati in questo documento.
Vista l'oggettiva complessità legata all'identificazione delle tecnologie basate sui Cookie ed alla loro integrazione molto stretta con il funzionamento del web, l'Utente è invitato a contattare il Titolare qualora volesse ricevere qualunque approfondimento relativo all'utilizzo dei Cookie stessi e ad eventuali utilizzi degli stessi – ad esempio ad opera di terzi – effettuati tramite questo sito.
Il presente documento si riferisce a tutti gli spazi online (siti, piattaforme, strumenti internet, etc) di proprietà del Titolare. Per ottenere ulteriori informazioni in merito agli strumenti relativi ad uno specifico spazio, l’Utente è pregato di contattare il Titolare ai riferimenti forniti nel presente documento.

Ultima modifica: 30 Maggio 2015

Il vento fa il suo giro - Giorgio Dritti

Vota questo articolo
(0 Voti)

Se un film riesce ad avere la forza trascinante di un libro. Di solito accade il contrario. Da un libro si crea un film, quasi ne fosse una costola naturale ed organica. Un prolungamento naturale.

Questo è un film ipnotico. Di montagna e di altro. Di tradimento, violenza, cattiveria, invidia, e bellezza che toglie il fiato come un orgasmo. E’ ambientato a Chersogno, un minuscolo pugno di case ed occhi, animali e fiori nelle Alpi Occitane. Philippe arriva con la sua famiglia ed i suoi formaggi. Prima lo accolgono con le torce accese la sera, e lo sguardo sembra incontrare un presepe vivente. Poi cominciano ad odiarlo ed il paese si spacca in due come una mela. Due fazioni e due mondi. C’è una sensazione strana in questo film che hanno cominciato a distribuire in DVD quest’anno. E’ girato con attori naturali, cioè tutta gente del posto, a parte il protagonista e forse qualcun altro. E’ la percezione che la vita, comunque la giri, è come un astragalo. Non si posiziona mai dove vorresti.

Philippe è un pastore con una bella moglie e tre bambini piccoli. Non fa vacanze, fa formaggi. E cerca un luogo dove la natura non sia ancora infetta, o sia ancora un posto al sole, illuminato bene. Philippe cerca un mondo dove le greggi possano pascolare senza problemi. Cerca una riserva indiana. Sembra che la trovi. Quel paese così piccolo sembra dischiudersi da una difficoltà comunicativa fisica. E’ come vedere una pietra rompersi piano, quasi sbriciolarsi. I suoi abitanti superano con difficoltà una diffidenza fatta di pietre e secoli. E’ una diffidenza che viene dalle montagne, dai percorsi guardinghi compiuti sulle vie del sale, con l’occhio attento a scorgere il pericolo nella nebbia o dietro il passo.
Il mondo di Chersogno è bellissimo a livello fotografico o per andarci a vivere le ferie estive. Se ci si vive ma non si è del luogo, può diventare un nido di vipere velenosissime.
Nel film si realizza la vita per intero. Le stagioni vengono fatte scorrere tutte. Così anche le immagini sempre colte con un occhio sensibilissimo che captano i momenti più delicati delle giornata, danno una panoramica delle Alpi Occitane. Un mondo quasi azzurrato dal sole quando le giornate sono limpide, e dove l’occhio corre senza trovare un limite del cielo, una chiusura che cinga lo sguardo e lo delimiti.
La parte dolorosa – ma è quella più vera – parte nel momento in cui la vita vera, quella legata alla mentalità chiusa, ottusa e camusa degli abitanti si scatena come la natura. Senza limiti e senza regole. Selvaggia ma raziocinante nel desiderio di espellere un corpo estraneo dalla propria pancia.

Giorgio DrittiLe invidie si fanno sotto. Dalle lettere anonime alle voci sussurrate in continuazione. Il colpo più forte, quello da trecento scudi viene dato a Philippe dalla persona più vicina a lui, la bella e sensuale moglie. Che ha qualcosa di puttanesco già nelle movenze ma che non ti aspetti subito con quei tre figli che sembrano un usbergo all’infedeltà. Ed anche quel tradimento, in un contesto così forzato e così violento, diventa una conferma della rottura delle acque. Che quando si smuovono, non puoi pensare al fatto che possiedano una ragione a dominarle e che dica loro di controllarsi, avanti signori ma uno per volta. No, la disgrazia non ha confini razionali, non possiede steccati cartesiani intorno a sé. E’ invece il ballo notturno della follia, e dell’amore quando spacca il cuore.
La scena della danza occitana, durante la festa dell’estate, è un momento gagliardo di sensualità fortissima, di inaudita forza umana. E’ un baccanale sottile che diventa la consapevolezza del tradimento consumato da chi ti è più vicino e non sai cosa fare.

Uno sguardo di Philippe che vede la moglie a cavalcioni dell’amante mentre corre per le vie strette e sassose del paese, vale un intero trattato di psicologia. E costituisce la realizzazione di una sorta di film dentro il film, quasi a far capire allo spettatore che qualcosa lì non va. Che c’è del torbido anche tra il marito e la moglie.
Forse il tradimento non serviva, anche perché non ha una giustificazione cinematografica e narrativa di logica. Ma il tradimento si può spiegare ? Nella vita gli si può dare una giustificazione razionale ?
Mi viene in mente Breve la vita felice di Francis Macomber dove una moglie puttana è tale per l’ignavia e la codardia di un marito che subisce e non riesce a liberarsene. Quando lo fa, per una dose di coraggio che la vita gli offre all’improvviso quasi un dono insperato, Macomber muore.
Qui non muore nessuno, o meglio, uno che muore c’è. E così in una pellicola ci sta tutta una vita, e cento storie attorte, anzi attorcigliate insieme come in un centone che usavano per coprirsi proprio su quelle  montagne.
Ci vuole un occhio sapiente per catturare quelle montagne così bene. Per farne ritratti così limpidi e fedeli. Ci vuole qualcuno con un’idea assolutamente originale per inventarsi una storia così.

 

Il film è in originale, ossia in lingua occitana e quindi avrete bisogno dei sottotitoli per orientarvi meglio nei dialoghi. Anche se esiste un filo conduttore grazie al quale il film non lascia mai chi guarda senza un ansito interiore. Fredo Valla ha scritto una storia di montagna, ma soprattutto di un’umanità che avrebbe dovuto concentrare nelle pagine di un libro. Non si tratta di un film soltanto, quindi. Si parla piuttosto di un film dove la forza dei caratteri e delle persone è terra da prendere in mano. E’ un vento dove le passioni sono cuore, polmoni, cervello e sperma. E’ la vita che fa il suo giro e torna sempre dove era prima. E’ una vita dove il vento fa sempre ciò che vuole. E noi ci stiamo sotto. Quando l’uomo fa dei progetti, Dio sorride.
Questo è il Suo film.

 

Informazioni Aggiuntive Sul Film

Titolo: Il vento fa il suo giro

Regia: Giorgio Dritti

Soggetto: Fredo Valla 

Paese: Italia

Anno Pubblicazione: 2005

Colore, 110 minuti

Note: Scritto da Giorgio Diritti e Fredo Valla da una storia di Fredo Valla.

Letto 3138 volte Ultima modifica il Venerdì, 14 Settembre 2012 19:21
Devi effettuare il login per inviare commenti

Iscrizione Newsletters