slideshow_inverno_001
slideshow_inverno_002
slideshow_inverno_003

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa estesa sui Cookie

I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell’erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle finalità di installazione dei Cookie potrebbero, inoltre, necessitare del consenso dell'Utente.

Cookie tecnici e di statistica aggregata

I Cookie tecnici hanno la funzione di permettere lo svolgimento di attività strettamente legate al funzionamento di questo spazio online. I Cookie tecnici utilizzati dal Titolare possono essere suddivisi nelle seguenti sottocategorie:
Cookie di navigazione, per mezzo dei quali si possono salvare le preferenze di navigazione ed ottimizzare l’esperienza di navigazione dell’Utente;
Cookie così detti “analytics”, per mezzo dei quali si acquisiscono informazioni statistiche in merito alle modalità di navigazione degli Utenti. Tali informazioni sono trattate in forma aggregata ed anonima;
Cookie di funzionalità, anche di terze parti, utilizzati per attivare specifiche funzionalità di questo spazio online e necessari ad erogare il servizio o migliorarlo.
Tali Cookie non necessitano del preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati.

Altre tipologie di Cookie o strumenti terzi che potrebbero farne utilizzo

Alcuni dei servizi elencati di seguito potrebbero non richiedere il consenso dell'Utente o potrebbero essere gestiti direttamente dal titolare – a seconda di quanto descritto – senza l'ausilio di terzi.
Qualora fra gli strumenti indicati in seguito fossero presenti servizi gestiti da terzi, questi potrebbero – in aggiunta a quanto specificato ed anche all’insaputa del Titolare – compiere attività di tracciamento dell’Utente. Per informazioni dettagliate in merito, si consiglia di consultare le privacy policy dei servizi elencati.

  • Commento dei contenuti
  • Interazione con social network e piattaforme esterne
  • Pubblicità
  • Remarketing e Behavioral Targeting
  • Statistica

Widget

Questo servizio permette di effettuare interazioni con questo spazio online direttamente dalle piattaforme esterne su cui è installato. L’installazione del servizio potrebbe comportare l’ulteriore installazione di strumenti di Google Analytics con IP anonimizzato. Per ulteriori informazioni in merito a Google Analytics si rinvia all’apposita sezione del presente documento.

Utilizzo da parte di minori

Gli Utenti dichiarano di essere maggiorenni secondo la legislazione loro applicabile. I minorenni possono utilizzare questo spazio online solo con l’assistenza di un genitore o di un tutore.

Come posso controllare l'installazione di Cookie?

In aggiunta a quanto indicato in questo documento, l'Utente può gestire le preferenze relative ai Cookie direttamente all'interno del proprio browser ed impedire – ad esempio – che terze parti possano installarne. Tramite le preferenze del browser è inoltre possibile eliminare i Cookie installati in passato, incluso il Cookie in cui venga eventualmente salvato il consenso all'installazione di Cookie da parte di questo sito. È importante notare che disabilitando tutti i Cookie, il funzionamento di questo sito potrebbe essere compromesso. Puoi trovare informazioni su come gestire i Cookie nel tuo browser ai seguenti indirizzi: Google Chrome, Mozilla Firefox, Apple Safari and Microsoft Windows Explorer.
In caso di servizi erogati da terze parti, l'Utente può inoltre esercitare il proprio diritto ad opporsi al tracciamento informandosi tramite la privacy policy della terza parte, tramite il link di Opt-Out se esplicitamente fornito o contattando direttamente la stessa.
Fermo restando quanto precede, il Titolare informa che l’Utente può avvalersi di Your Online Choices. Attraverso tale servizio è possibile gestire le preferenze di tracciamento della maggior parte degli strumenti pubblicitari. Il Titolare, pertanto, consiglia agli Utenti di utilizzare tale risorsa in aggiunta alle informazioni fornite dal presente documento.

Titolare del Trattamento dei Dati

Carrozzini Giorgio

P.IVA 11280041002 - C.F. CRRGRG72L05H501C
Via Umberto Giordano, 70 – 00124 Roma - Tel. 06.50.91.42.91

Dal momento che l'installazione di Cookie e di altri sistemi di tracciamento operata da terze parti tramite i servizi utilizzati all'interno di questo spazio online non può essere tecnicamente controllata dal Titolare, ogni riferimento specifico a Cookie e sistemi di tracciamento installati da terze parti è da considerarsi indicativo. Per ottenere informazioni complete, consulta la privacy policy degli eventuali servizi terzi elencati in questo documento.
Vista l'oggettiva complessità legata all'identificazione delle tecnologie basate sui Cookie ed alla loro integrazione molto stretta con il funzionamento del web, l'Utente è invitato a contattare il Titolare qualora volesse ricevere qualunque approfondimento relativo all'utilizzo dei Cookie stessi e ad eventuali utilizzi degli stessi – ad esempio ad opera di terzi – effettuati tramite questo sito.
Il presente documento si riferisce a tutti gli spazi online (siti, piattaforme, strumenti internet, etc) di proprietà del Titolare. Per ottenere ulteriori informazioni in merito agli strumenti relativi ad uno specifico spazio, l’Utente è pregato di contattare il Titolare ai riferimenti forniti nel presente documento.

Ultima modifica: 30 Maggio 2015

Martedì, 22 Aprile 2014 11:06

La Grotta del Gesso una meraviglia nel Parco Regionale del Matese

Scritto da  Emidio Civitillo
Vota questo articolo
(1 Vota)

La “Grotta del gesso”, una meraviglia ad alta quota nel Parco Regionale del Matese. Questa “grotta”, molto particolare, si trova ad una quota di oltre 1.300 metri sul livello del mare, sul lato anteriore e poco al di sotto della sommità del “Palumbaro” (parte orientale del Monte Mutria), in territorio di Pietraroja (BN) che, com'è noto, è la "patria" del celeberrimo fossile di dinosauro "Scipionyx samniticus", meglio noto come "Ciro", famoso in tutto il mondo.

Il lato anteriore del “Palumbaro”, esposto a Sud, è visibile anche da lontano, si presenta molto aspro e ricco di pareti e speroni rocciosi. Ad occhio nudo, un buon punto di osservazione è, quando si sale a Bocca della Selva, dalla strada panoramica Sud-Matese in corrispondenza di “Fontana Tasso”.

La “Grotta del gesso”, in dialetto locale detta "a rott' u ggìss'", è così chiamata perché l'acido carbonico, assieme ad altre sostanze chimiche, scioglie il calcare e crea nella grotta uno strato di roccia tenera (molto bianca, che sembra gesso) di alcuni centimetri di spessore sulla roccia dura.

Tutta la “grotta” sembra una enorme camera pitturata con pittura bianca. Ovviamente occorre una torcia o una lanterna per percorrerla.

La “grotta” è percorribile senza problemi e il piano di calpestio pende verso l’ingresso. Ha una profondità di circa 25 metri e in fondo ad essa c’è una piccola sorgente di acqua fresca e limpida, alla quale in passato i pastori si recavano a bere, quando, dalla tarda primavera all’autunno, a Monte Mutria era molto diffuso l’allevamento brado, specialmente di ovini.
Gli anziani raccontano che a volte i pastori vi pernottavano con il gregge, essendo la “grotta” un ottimo ricovero dalla pioggia e dalle intemperie. In tal modo essi risparmiavano anche alcune ore di faticoso spostamento con gli animali, necessarie per scendere agli ovili posti alla base della cresta del Monte Mutria e per risalire il mattino successivo.

La zona montagnosa in cui si trova la “grotta” domina vasti e suggestivi panorami, pressoché in ogni direzione. E ciò contribuisce notevolmente a rendere la “grotta” ancora più interessante, oltre che bella.

Colpisce anche il fatto che in quella località, a causa dei ripidi pendii e delle asperità, gli alberi non vengono mai tagliati e muoiono di vecchiaia. Anche i rami e i tronchi secchi, non essendo trasportabili, marciscono sul posto e si trasformano in “humus”.

Come si arriva alla "Grotta del Gesso"?

Alla “grotta” si arriva ovviamente a piedi, con due possibili percorsi alternativi. Sono entrambi molto suggestivi e richiedono più o meno lo stesso tempo di percorrenza: in media da un’ora e mezza a due ore.

Il percorso un po’ meno faticoso sembra essere quello che consente di arrivare alla “grotta” da Nord/Est, ossia da “Pesco Rosito”, che è un grosso sperone roccioso posto all’inizio del bosco “La Torta”, ad Ovest del Passo di Santa Crocella, in territorio di Pietraroja.
Il bosco, abbastanza conosciuto di fama, è una vasta e ininterrotta foresta di alberi di faggio lunga diversi di chilometri. Inizia in territorio di Pietraroja e continua n territorio di Guardiaregia (in provincia di Campobasso) fino alla "Sella del Perrone", dove inizia il territorio di Piedimonte Matese (in provincia di Caserta).

Proprio sulla "Sella del Perrone" c'è un quadrivio che consente di andare in 4 direzioni diverse:
1) - Guardiaregia (CB),
2) - Lago Matese e Piedimonte Matese - CE (passando per San Gregorio Matese e Castello Matese);
3) - Campitello Matese CB)
4) - Bocca della Selva.

L’altro percorso, ugualmente molto interessante, consente di giungere alla “grotta” dalla direzione pressoché opposta, ossia da Ovest, partendo a piedi dalla località Sambuco di Monte Mutria, lungo la strada panoramica Sud-Matese, a circa 4 km prima di giungere a Bocca della Selva salendo da Pietraroja. Lungo questo percorso, che inizia in territorio di Cusano Mutri (BN), si passa per la “Fontana dell’Acera”, la più elevata in quota delle sorgenti.

Da Pesco Rosito alla "Grotta del Gesso"

Il grosso sperone roccioso posto all’inizio del bosco “La Torta”, noto come “Pesco Rosito”, deve la sua denominazione (riportata sulle carte topografiche) al fatto che quella zona è particolarmente ricca di piante di rosa canina, chiamata “rosa ianara” dalla gente della zona.

A “Pesco Rosito” si arriva in macchina. Salendo da Sud (sul versante beneventano) al “Passo di Santa Crocella”, prima di giungere al “Passo” (all’incirca 2 km prima) si svolta a sinistra attraversando in macchina la “Parata Tufo” (vasta zona a pascolo, con scarsa vegetazione arborea), fino a “Pesco Rosito”, che è visibile da lontano.

Lasciata la macchina a “Pesco Rosito”(a 1.195 metri s.l.m.), si procede a piedi verso Ovest, affrontando il pendio nord del “Palumbaro”.

Camminando piuttosto adagio, per non stancarsi facilmente, dato il percorso impegnativo e la relativa carenza di ossigeno a quella quota, dopo poco più di un’ora, facendo di tanto in tanto anche qualche piccola sosta “per riprendere fiato”, si sale sul “Palumbaro” a quota 1.375 m s.l.m..

Naturalmente si segue un percorso ben preciso, che, per chi vi si reca la prima volta (e forse anche quella successiva), richiede l’ausilio di una guida esperta.

In montagna non si scherza: è facile sbagliare strada (specialmente in zone coperte da boschi piuttosto fitti) e se all’improvviso cala la nebbia, la situazione può diventare, per chi è inesperto, veramente complicata.

Giunti sul “Palumbaro”, si procede per poche centinaia di metri ancora verso Ovest e mantenendo pressappoco la stessa quota. Si sale ancora appena di 25 metri, fino a 1.400 m. s.l.m., dove, sull’orlo dei precipizi e delle asperità del lato anteriore (esposto a sud) del “Palumbaro”, s’imbocca il viottolo (piuttosto ripido e di non facile individuazione nella parte iniziale) che consente di scendere, adagio e con una certa prudenza, all’affascinante “Grotta del gesso” (a 1.315 m. s.l.m.).

Come localizzare la grotta da lontano

L’ingresso della “grotta” non è visibile da lontano, specialmente quando gli alberi di faggio posti davanti alla grotta sono ricoperti di foglie.
Ma anche in inverno, con gli alberi spogli, l’ingresso della grotta sarebbe visibile (e solo in parte) soltanto con l’ausilio di un potente strumento ottico (ad esempio un cannocchiale) dalla zona del Parco Geopaleontologico o dal ripetitore RAI di Pietraroja, oppure da alcune zone della conca di Cusano Mutri. Ma anche con l’ausilio di un cannocchiale, non è semplice individuare il punto dove si trova la “grotta” e in cui puntare lo strumento ottico tra le asperità rocciose del “Palumbaro”.

Ovviamente per le persone che sono esperte dei luoghi e che conoscono la “grotta” (ma sono poche) il discorso delle difficoltà cambia quasi totalmente.

Letto 1357 volte Ultima modifica il Martedì, 22 Aprile 2014 11:17
Devi effettuare il login per inviare commenti

Iscrizione Newsletters