Gruppo del Monte Velino

Il gruppo montuoso del Monte Velino è un ampio massiccio di cime che culmina con la cima del Monte Velino (per l'appunto) una motnagna dalla forma piramidale circondata dalle vicine cime del Monte Cafornia e del Monte Sevice. E' la montagna dei romani per eccellenza, a soli 50 minuti di macchina da Roma, permette escursioni e salite alpinistiche di tutto ripsetto. Una montagna che d'inverno si ricopre di nevi importanti e che per il suo dislivello dalla Piana di Avezzanao permette lunghi trekking ed salite impegnative e faticose. Sul lato di Campo Felice invece la montagna permette soggiorni più turistici ed escursioni più adatte alle famiglie e ai bambini. Un montagna dalle infinite possibilità....

Premessa: Un percorso banale e di facile esecuzione consente di osservare l'imponente e strapiombante parete del Costone dal sotto. Cimata Puzzillo è invece una cima molto divertente che può essere raggiunta in quindici minuti dal Rifugio V. Sebastiani.

Caratteristiche del tracciato:  Nessuna difficoltà su sterrata molto dissestata fino al rifugio. Senaletica assente. Dal rifugio alla a Cimata Puzzillo qualche passaggino di primo grado (mani e piedi) adatto anche a giovani adolescenti che vogliano imparare a familiarizzare con creste molto aeree.

Premessa: La Costa della Sentina è una paretina che si trova proprio all'imbocco della valle Majelama e rappresenta la parte più ripida dei contrafforti del Monte Magnola e del Sentinella. E' un percorso aperto dal 15 Agosto al 15 Febbraio in quanto la valle è chiusa per la riproduzione dei rapaci.

Caratteristiche del tracciato:  Si tratta di un percorso alpinistico non molto complesso le cui difficoltà sono prevalentemente raccolte nella sua parte bassa. Di facile esecuzione e di notevole soddisfazione.

Premessa: Un percorso veloce di lunghezza media ma dal dislivello impegnativo. Il balcone che affaccia sulla valle Majelama è molto bello principalmente nella sua parte bassa da dove è possibile osservare i contrafforti del Magnola. Meno spettacolare la sua parte alta. Bellissimo il versante Sud-Orientale del Monte Cafornia.

Caratteristiche del tracciato: Il tracciato si svolge lungo il limite del contrafforte del Cafornia lungo la cresta che affaccia sulla Valle Majelama (o Majellama). Complessivamente il percorso è tecnicamente semplice, più utili i bastoncini da trekking che la piccozza. A seconda delle condizioni di innevamento può essere utile o meno indossare i ramponi.

Premessa: Un percorso che si snoda nel fondo lungo e a tratti monotono della Valle Majellama. L'aspetto delle rocce e dei precipizi non è così spettacolare come in altre forre dell'appennino. Sicuramente merita la visita in ambiente invernale dove la neve rende più suggestivo il panorama nella parte alta della Valle.

Caratteristiche del tracciato:  Sentiero ottimamente segnato sia salendo che scendendo. Si nota l'ottima manutenzione dei segnavia posizionati ad oc in modo da risaltare anche quando il terreno è innevato.

Vietato l'accesso alla valle dal 15 Febbraio al 15 Agosto.

Premessa: Un percorso suggestivo e con salita graduale, adatto ad escursionisti adolescenti benché un po' lungo e faticoso. Bellissimi i Prati di San Rocco dove consigliamo di sostare per un pic-nic anche senza arrivare alla vetta del Monte Cava.

Caratteristiche del tracciato:  Svolgendosi prevalentemente su strada sterrata il percorso può sembrare noioso, in verità se fatto in primavera o in autunno inoltrato può diventare un percorso che regala un gran numero di colori.

Premessa: l'escursione alle cime della Torricella (quota 2071 m e qota 2098 m) si sviluppa su un percorso mediamente lungo, tuttavia il dislivello scarso lo rende un percorso adatto anche ai giovani escursionisti. La rugosa dorsale della Torricella si trova al centro del Gruppo montuoso del Velino chiusa a Nord dalla più alta cima del Monte Puzzillo a sud dalla lunga dorsale che unisce Monte Morrone, Punta dell'Uccettù e Costone. Benché poco panoramica rispetto alle altre cime circostanti la Torricella può regalare una piacevole escursione in un ambiente solitario tra valli e boschi ancora non troppo deturpati dal turismo.

Caratteristiche del tracciato:  il percorso escursionistico alla Torricella si svolge in parte su tracce di strada sterrata, in parte su tracce di sentiero ed in parte su ampi prati di quota privi di sentiero. Il bosco visto nel periodo autunnale ed alle prime luci dell'alba regala un caleidoscopio di colori di grande soddisfazione.