Gruppo Escursionistico Aria Sottile

Diario di viaggio in Montagna - Trekking - Escursionismo - Alpinismo - Appennino

slideshow_inverno_001
slideshow_inverno_002
slideshow_inverno_003

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa estesa sui Cookie

I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell’erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle finalità di installazione dei Cookie potrebbero, inoltre, necessitare del consenso dell'Utente.

Cookie tecnici e di statistica aggregata

I Cookie tecnici hanno la funzione di permettere lo svolgimento di attività strettamente legate al funzionamento di questo spazio online. I Cookie tecnici utilizzati dal Titolare possono essere suddivisi nelle seguenti sottocategorie:
Cookie di navigazione, per mezzo dei quali si possono salvare le preferenze di navigazione ed ottimizzare l’esperienza di navigazione dell’Utente;
Cookie così detti “analytics”, per mezzo dei quali si acquisiscono informazioni statistiche in merito alle modalità di navigazione degli Utenti. Tali informazioni sono trattate in forma aggregata ed anonima;
Cookie di funzionalità, anche di terze parti, utilizzati per attivare specifiche funzionalità di questo spazio online e necessari ad erogare il servizio o migliorarlo.
Tali Cookie non necessitano del preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati.

Altre tipologie di Cookie o strumenti terzi che potrebbero farne utilizzo

Alcuni dei servizi elencati di seguito potrebbero non richiedere il consenso dell'Utente o potrebbero essere gestiti direttamente dal titolare – a seconda di quanto descritto – senza l'ausilio di terzi.
Qualora fra gli strumenti indicati in seguito fossero presenti servizi gestiti da terzi, questi potrebbero – in aggiunta a quanto specificato ed anche all’insaputa del Titolare – compiere attività di tracciamento dell’Utente. Per informazioni dettagliate in merito, si consiglia di consultare le privacy policy dei servizi elencati.

  • Commento dei contenuti
  • Interazione con social network e piattaforme esterne
  • Pubblicità
  • Remarketing e Behavioral Targeting
  • Statistica

Widget

Questo servizio permette di effettuare interazioni con questo spazio online direttamente dalle piattaforme esterne su cui è installato. L’installazione del servizio potrebbe comportare l’ulteriore installazione di strumenti di Google Analytics con IP anonimizzato. Per ulteriori informazioni in merito a Google Analytics si rinvia all’apposita sezione del presente documento.

Utilizzo da parte di minori

Gli Utenti dichiarano di essere maggiorenni secondo la legislazione loro applicabile. I minorenni possono utilizzare questo spazio online solo con l’assistenza di un genitore o di un tutore.

Come posso controllare l'installazione di Cookie?

In aggiunta a quanto indicato in questo documento, l'Utente può gestire le preferenze relative ai Cookie direttamente all'interno del proprio browser ed impedire – ad esempio – che terze parti possano installarne. Tramite le preferenze del browser è inoltre possibile eliminare i Cookie installati in passato, incluso il Cookie in cui venga eventualmente salvato il consenso all'installazione di Cookie da parte di questo sito. È importante notare che disabilitando tutti i Cookie, il funzionamento di questo sito potrebbe essere compromesso. Puoi trovare informazioni su come gestire i Cookie nel tuo browser ai seguenti indirizzi: Google Chrome, Mozilla Firefox, Apple Safari and Microsoft Windows Explorer.
In caso di servizi erogati da terze parti, l'Utente può inoltre esercitare il proprio diritto ad opporsi al tracciamento informandosi tramite la privacy policy della terza parte, tramite il link di Opt-Out se esplicitamente fornito o contattando direttamente la stessa.
Fermo restando quanto precede, il Titolare informa che l’Utente può avvalersi di Your Online Choices. Attraverso tale servizio è possibile gestire le preferenze di tracciamento della maggior parte degli strumenti pubblicitari. Il Titolare, pertanto, consiglia agli Utenti di utilizzare tale risorsa in aggiunta alle informazioni fornite dal presente documento.

Titolare del Trattamento dei Dati

Carrozzini Giorgio

P.IVA 11280041002 - C.F. CRRGRG72L05H501C
Via Umberto Giordano, 70 – 00124 Roma - Tel. 06.50.91.42.91

Dal momento che l'installazione di Cookie e di altri sistemi di tracciamento operata da terze parti tramite i servizi utilizzati all'interno di questo spazio online non può essere tecnicamente controllata dal Titolare, ogni riferimento specifico a Cookie e sistemi di tracciamento installati da terze parti è da considerarsi indicativo. Per ottenere informazioni complete, consulta la privacy policy degli eventuali servizi terzi elencati in questo documento.
Vista l'oggettiva complessità legata all'identificazione delle tecnologie basate sui Cookie ed alla loro integrazione molto stretta con il funzionamento del web, l'Utente è invitato a contattare il Titolare qualora volesse ricevere qualunque approfondimento relativo all'utilizzo dei Cookie stessi e ad eventuali utilizzi degli stessi – ad esempio ad opera di terzi – effettuati tramite questo sito.
Il presente documento si riferisce a tutti gli spazi online (siti, piattaforme, strumenti internet, etc) di proprietà del Titolare. Per ottenere ulteriori informazioni in merito agli strumenti relativi ad uno specifico spazio, l’Utente è pregato di contattare il Titolare ai riferimenti forniti nel presente documento.

Ultima modifica: 30 Maggio 2015

Martedì, 26 Marzo 2019 00:00

Punta dell'Uccettù per la Valle Amara

Scritto da 

Massimiliano passa in bici davanti casa e si ferma: - Beh?

Esclama con una richiesta che gli brilla negli occhi. E’ tornato da poco dalle Marche e ha voglia di ritornare in montagna. Con quel suo modo di fare disimpegnato e leggero dice: “... dai anche io voglio diventare un camminatore seriale, quando usciamo?”

Non ci penso neppure un secondo, si certo, ok, colgo questo suo desiderio e propongo l’uscita per il mercoledì successivo…

Daniele Nardi è scomparso sul Nanga Parbat da pochi giorni, ancora penso a lui e mi chiedo ancora che senso abbia andare in montagna. E proprio da quando è morto Daniele sento le risposte emergere sempre più chiare:

  • Vado in montagna perché ci sono panorami meravigliosi

  • Vado in montagna perché adoro l'aria sottile e pulita

  • Vado in montagna perché mi piace sperimentare la solitudine

  • Vado in montagna perché mi piace mettere alla prova me stesso

  • Vado in montagna perché il mio corpo si sente vivo

  • Vado in montagna perché amo il contatto con la roccia

  • Vado in montagna perché il pericolo mi rende più umile

  • Vado in montagna perché amo muovermi lungo il confine

  • Vado in montagna perché quando salgo l’orizzonte si fa più ampio

  • Vado in montagna perché il sacrificio mi rafforza

  • Vado in montagna perché quando torno a casa sorrido

  • Vado in montagna perché ci sono i fiori

  • Vado in montagna perché adoro l’aria fredda sul viso

  • Vado in montagna perché sento gli odori della natura

  • Vado in montagna perché la salita mi fa viaggiare dentro di me

  • Vado in montagna perché nessun luogo mi riempie nello stesso modo

  • Vado in montagna perché è bello condividerla in gruppo

  • Vado in montagna perché ho imparato a contare solo su me stesso

  • Vado in montagna perché qualcuno può contare su di me

  • Vado in montagna perché il suo silenzio è d’oro

  • Vado in montagna perché ...

Così decidiamo di partire... non importa dove!

L’importante è superare la pigrizia, l’inedia, l’ozio, la paura. L’importante è superare le abitudini quotidiane, riprendersi la libertà. Così su due piedi siamo d’accordo! L’uscita improvvisata ci servirà per mettere chilometri nelle gambe. 

Non voglio più programmare, la mia vita è già tutta programmata. In montagna ci voglio tornare come un animale selvatico, libero senza impegni, senza pensieri, fatto di puro istinto.

Il martedì sera finalmente trovo il tempo per preparare lo zaino e scopro che... (mio Dio!!!) ... non ho scarpe da montagna. Neppure un vecchio paio di scarpe da trekking. Niente. Tutte le scarpe sono rotte: le suole si sono scollate e le scarpe sono tutte da buttare.

Se voglio andare in montagna devo trovare un paio di scarpe. Per interi minuti di confusione e follia mi risuona la domanda: come si fa a camminare senza scarpe?

Penso di disdire l’escursione con Massimiliano. Il problema delle scarpe mi manda letteralmente in crisi.

Questa volta non voglio più tirarmi indietro. In montagna ci vado a qualsiasi costo.
Torno indietro con la mente al 2004 quando in montagna ci andavo con un paio di pedule a tomaia bassa della Dolomite. Il ricordo di scalate invernali fatte indossando un banale paio di jeans. Questo pensiero mi aiuta definitivamente…

Decido di andare con le scarpe da ginnastica!

Una meravigliosa follia! Un ritorno all’essenziale. Al minimalismo.

Alle 7.40 circa siamo all’imbocco della Valle Amara che parte dall’imbocco della galleria autostradale San Rocco. In quel momento non ricordo neppure il nome.

Il freddo pungente e l’aria fredda che scende lungo la valle ci avvolge in una morsa infida e traditrice.

In pochi minuti siamo subito sul sentiero di salita. Si parla, si chiacchiera, siamo già felici di essere in questo luogo. La scoperta più straordinaria è sentire nuovamente il corpo mettersi in moto. Il sangue fluire nelle gambe, gli alveoli dei polmoni allargarsi per raccogliere più aria.

Sentirsi vivo nuovamente è stupefacente e non puoi non chiederti dove sei stato fino a quel momento…

La camminata fino al bivio del Mercaturo procede senza scossoni. I respiri si fanno profondi ed il passo regolare. A quota 1400 circa troviamo le prime tracce di neve ghiacciata e croccante. Cammino sul ghiaccio con le mie scarpette senza neppure sentire il freddo ai piedi.

Vedo che la tomaia delle scarpe è tutta bagnata ma sento il piede ancora caldo e non provo alcun tipo di fastidio.

Guardo le mie scarpe incredulo. Tante volte mi sono posto il problema della scelta delle scarpe migliori, della giacca giusta, del cappello adatto… ho trovato cavilli e sofisticato sull’attrezzatura quando la verità era molto più semplice.

Il mio corpo è l’unica attrezzatura di cui ho veramente bisogno. Quando desideri una cosa la testa è determinata, non usi scuse, lo fai e basta.

Questo pensiero mi fa sentire sciocco tutte le volte che ho pensato di non essere all’altezza di qualcosa.

Ci lasciamo alle spalle il bivio del Mercaturo e i prati di San Rocco. Davanti a noi fra i rami spogli del bosco possiamo intuire la cresta finale del Monte Uccetù.

Entriamo nella Valle dell’Asino salendo gradualmente su neve sempre croccante. Solo in rari casi affondiamo fino al ginocchio.

Davanti a noi la valle si apre lentamente. La neve è completamente trasformata e ghiacciata. La salita al vado dell’Asina è di una durezza come non la provavo da anni. Eppure non è in alcun modo un percorso da considerarsi difficile. Faccio dieci passi e mi fermo conto fino a dieci, respiro, riprendo. Faccio nuovamente altri dieci passi e mi fermo. Conto, respiro profondamente, riparto.

E penso a Daniele che sul Nanga Parbat avrà dovuto trovare ben altro coraggio che non quello di mettere un passo davanti all’altro.

Sono salito in montagna per guardarmi dentro all’anima e ho trovato un pusillanime. Sono salito in montagna per trovare riflesso come in uno specchio. Ho visto che dovevo mettere in campo tutto il mio impegno, dovevo trovare più coraggio per compiere ancora un altro passo avanti. Un passo alla volta. Le cime si conquistano così. Senza troppe domande, senza troppi perché. Solo un altro passo in avanti.

Spesso chiedo a Massimiliano di passare avanti per farmi da “lepre” questo mi darà uno sprone per inseguirlo e tenere un passo più spedito.

Intorno alle 11.40 arriviamo al Vado dell’Asina. La nebbia nasconde tutto il panorama. Neppure il monte Morrone e la Cima ZIS sono in vista. Solo la mia conoscenza del paesaggio mi permette di intuire il vicino Monte Murolungo.
Dal vado dell’Asina si intravede il Lago della Duchessa completamente congelato. Il posto è desolato e solitario. Il mio corpo è completamente esausto. Per questa volta mi sono spinto oltre il mio limite.

C’è un vento gelido e la nebbia rischia di avvolgerci da un momento all’altro. Siamo a quota 1900 e sono riuscito ad arrivare fino a qui con un banale paio di scarpe da ginnastica. Questo vorrà pur dire qualcosa. Forse vuol dire che tante volte ho ingigantito le difficoltà. Forse vorrà dire semplicemente che se non ci provi non saprai mai come andrà a finire.  Forse vorrà dire che non dobbiamo lasciare che nessun pensiero ci fermi. Deve essere qualcosa di concreto a fermarci...(cit. Paolo F.).

Decidiamo di nasconderci dietro una roccia per consumare un panino. Continuo a pensare alla vicina Cima del Monte Uccettù. L’escursione è finita… anzi no…

Mi giro verso Massimiliano e se andassimo su senza zaino?

Massimiliano ha questo pregio… vive il presente con grande entusiasmo… nel giro di pochi secondi lasciamo zaini, ciaspole (mai usate), e cominciamo a correre verso la cima.

Non facciamo in tempo ad avvistare la cima dell’Uccettù, mancano 50 metri di distanza e all’improvviso la nebbia ci circonda. A quota 1990 m. s.l.d.m. decidiamo di tornare indietro. C’è da ridere!

L’escursione è finita, anzi… no… ora la cosa più importante è tornare a casa.

Per questa giornata incredibile abbiamo consumato 15 chilometri e 1000 metri di dislivello per la metà percorsi sul ghiaccio con un semplice paio di scarpe da ginnastica.

Siamo felici e soddisfatti. Io sono felicissimo non mi resta che tornare a casa con il trofeo d’aver vinto contro il lato peggiore di me stesso.

Informazioni aggiuntive

  • Scheda Tecnica dell'Escursione:

    Scheda tecnica ancora non disponibile...

Iscrizione Newsletters