La salita del Cervino - Edward Whymper

Un classico e, dopo più di un secolo e mezzo dalla sua prima edizione, uno fra i libri più belli sulla montagna, un'opera fondamentale che narra in modo avvincente e coinvolgente la lunga vicenda dell'assedio al Cervino, una vetta ritenuta fino al 14 luglio 1865, inespugnabile.
Whimper descrive, senza tralasciare alcun dettaglio, i ripetuti tentativi e le sconfitte, il controverso rapporto con la guida valdostana Jean Antoine Carrel, che diventerà in seguito compagno di 9 avventure amico fidato la tensione le difficoltà che precedono la vittoria inattesa.

Ma soprattutto il drammatico incidente che la trasforma in tragedia, segnando per sempre la vita dei sopravvissuti e dell'autore più di tutti.
La conquista del Cervino è stata un'impresa davvero epica e ha gettato le basi di quello che sarebbe diventato l'alpinismo moderno.

Edward Whymper (1840-1911) è stato uno dei primi esploratori delle Alpi, il suo nome entra nella storia grazie alla conquista del Cervino compiuta nel luglio del 1865.
Nato e cresciuto a Londra, abile disegnatore, scopre la montagna grazie ad un editore, che gli propone di visitare le Alpi francesi della Savoia per lavorare a delle illustrazioni di vedute paesaggistiche.
Iniziano così le sue prime ascensioni che lo porteranno, in seguito, a divenire profondo conoscitore di queste meravigliose montagne, e in particolare di quelle del versante francese e svizzero.
Partecipa ad alcune spedizioni in Groenlandia (1867 e 1872) e in Ecuador, dove, in compagnia della guida valdostana Jean Antoine Carrel scala il Chimborazo, il Cotopaxi e molte altre vette andine.
Compie la sua ultima spedizione sulle Montagne Rocciose canadesi.

Informazioni aggiuntive

  • Foto e Illustrazioni: Assente
Letto 451 volte