Monte Amaro (2793 m) per la Rava della Giumenta Bianca

Scritto da Giovedì, 10 Gennaio 2013 17:33

Premessa: Una vera e propria scalata alpinistica con una pendenza costante e molto impegnativa. Da farsi in inverno con ramponi e picozza in estate con molta, molta, molta acqua.

Caratteristiche del tracciato: Percorso tecnicamente non molto impegnativo classificato da alcuni addirittura F+. Qualche difficoltà di orientamento al ritorno per trovare il sentiero sentiero in caso di ambiente innevato.

Informazioni aggiuntive

  • Come Arrivare: Sull'autostrada A25 da Roma o da Pescara si esce a Pratola Peligna – Sulmona, Usciti dal casello autostradale si gira a destra in direzione Sulmona. Qujindi dipo 100 metri a destra per la SR5. Dopo circa due chilometri e mezzo si prosegue sulla SS17 fino a Pacentro. Si oltrepassa l'abitato e sulla strada SP12A si prosegue per quasi 10 km di curve fino al bivio girando a destra per Passo San Leonardo. Prima di arrivare al passo all'altezza di un spiazzo sul bordo della strada lasciamo l'auto. Siamo in località Fonte Fredda.
  • Descrizione Percorso:

    Dalla strada si sale sul promontorio fino ad individuare la vicina Fonte Fredda distante appena 40 metri dalla strada. Dalla fonte camminiamo in direzione nord fino a risalire il colle piegando leggermente verso est in modo da rimanere tangenti il boschetto. Saliamo fino a quota 1450 circa individuando possibilmente (neve permettendo) i segnavia sulle rocce e le tracce di sentiero. Sul Colle della Croce possiamo osservare meglio la Rava della Giumenta Bianca. Camminiamo in direzione Nord-Est fino ad individuare la segnaletica che conduce all'interno del bosco. Segni giallo-rossi sugli alberi. A quota 1800 circa si esce in prossimità di una radura. La base della Rava della Giumenta Bianca è sempre più vicina. Dalla radura il sentiero piega nuovamente verso Nord fino ad uscire fra bassi arbusti proprio alla base chiarissima della Rava. Qui il percorso è intuitivo. Si segue la rava monotona e costante fino a 2400 metri per piegare verso destra in direzione Est. Il contrafforte alla cima è una balcone panoramico sull'intera valle sottostante. Spettacolare. La vetta è vicina, con un ultimo sforzo si prosegue di traverso fino alla cima molto ben visibile dal balcone di quota 2600. In vetta una croce e la nota cupola del Bivacco Pelino. Il ritorno per la stessa via. Attenzione una volta usciti dalla Rava a ritrovare la radura quindi di seguito il sentiero che conduce alla Fonte Fredda. Rischio di allungare di molto il percorso.

  • Varianti e Alternative:

    Nessuna alternativa.

  • Tipo di Percorso: Alpinistico
  • Tipo di Tracciato: Antata e Ritorno
  • Difficoltà: EEA+ = Escursionisti Esperti e Attrezzati +
  • Note su Impegno e Difficoltà: Molto impegnativa fisicamente specie in inverno. Qualcuno classifica la salita F+ per via dell'inclinazione della rava che può arrivare a 40°. Fattibile con ramponi e piccozza. Circa 1500 metri di dislivello.
  • Adatto ai Bambini: Non Adatto ai Bambini
  • Tempo Totale Escursione (ore e minuti): 8.30
  • Lunghezza (Chilometri): 9
  • Dislivello Lineare: 1500
  • Dislivello Totale Percorso (metri): 1500
  • Cime o Quote Raggiunte: Monte Amaro (2793 m)
  • Luoghi Particolari: -
  • Centri Visita e Strutture Ricettive: -
  • Condizioni della Segnaletica: La segnaletica, presente risulta insufficiente e sbiadita (2008) in alcuni punti del tracciato. Segni giallo rossi o solo gialli su roccette troppo basse.
  • Bibliografia:

    - Carta Escursionistica della Majella – Scala 1:25000 su base IGM. Edizioni il Lupo.

    - Majella Parco Nazionale – Le più belle escursioni – Edizioni SER

    - Foto Giorgio: Carrozzini

  • Previsioni Meteo della Zona:
  • Mappa del Percorso:
    Visualizza Monte Amaro per la Rava della Giumenta Bianca in una mappa di dimensioni maggiori
Letto 5658 volte Ultima modifica il Giovedì, 10 Gennaio 2013 17:54
Giorgio Carrozzini

Consulente Web, Webmaster, nella costruzione di siti web di ogni dimensione ed importanza. Per passione gestore di numerosi siti di montagna. Giorgio ama andare in montagna esplorando el numerose possibilità fuori e dentro di se... questo è il suo Blog!

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.