Ferita con grave emorragia esterna

Scritto da Venerdì, 22 Giugno 2012 13:19

Sintomatologia e primo intervento

Un taglio, una ferita profonda, una lacerazione con grave perdita di sangue è un evento drammatico tuttavia vale sempre la regola del mantener il massimo della calma possibile qualunque sia la condizione in cui si è creato l’evento.
Se la fuoriuscita di sangue è assai copiosa è necessario aspettarsi il peggio: far distendere l’infortunato a terra infatti, in caso di forte emorragia si può andare incontro al collasso cardiaco dell’infortunato. Stando a terra l’infortunato è già nella posizione ideale per poter intervenire con la rianimazione cardio-polmonare. Tenere l’arto al di sopra del cuore in modo che il sangue abbia maggiore difficoltà a defluire dalla ferita. Quindi procedere alle cure.
Se l’infortunato si è procurato una ferita con grave fuoriuscita di sangue la prima cosa è tentare di arrestare il sangue con una forte pressione sulla ferita. Sarà necessario comprimere la zona per almeno una decina di minuti in maniera tale da dare il tempo al sangue di coagularsi.

Nel momento in cui osserviamo una sensibile diminuzione nel flusso sanguigno allora sarà possibile procedere alla pulizia ed alla medicazione della ferita.
Disinfettare delicatamente la parte tentando di rimuovere eventuale terra, polvere o sporcizia dalla ferita senza però rimuovere la crosta di sangue che si è eventualmente formata fra i due lembi di pelle lacerata. Avvicinare più possibile i lembi della ferita, porvi un paio di quadratini di garza sterile con del cerotto adesivo traspirante, ed in fine bendare con una fascia anch’essa rigorosamente sterile.

Il bendaggio deve essere sufficientemente stretto da impedire la riapertura della ferita ma, allo stesso tempo, non troppo stretto da impedire la circolazione. Valutate anche che a seconda della dimensione della ferita l’arto colpito andrà in contro ad un minimo di gonfiore. Per cui nell’arco di un’ora sarà necessario allentare leggermente il bendaggio.
Qual’ora si abbia bendato un polpaccio o un braccio controllare che le circolazione sanguigna sia ancora regolare fino all’estremità delle dita.
Per controllare se il sangue circola regolarmente nell’arto colpito sarà sufficiente fare una pressione sui polpastrelli. Una volta rilasciata la pressione, se la circolazione è regolare il colorito biancastro della carne tornerà rapidamente ad essere roseo. Se invece tende a rimanere biancastro allora sarà necessario allentare il bendaggio.


Riassumendo sinteticamente:

  • Arrestare la fuoriuscita di sangue
  • Pulire e medicare la ferita
  • Avvicinare più possibile i lembi della ferita
  • Bendare la ferita
Letto 8464 volte
Giorgio Carrozzini

Consulente Web, Webmaster, nella costruzione di siti web di ogni dimensione ed importanza. Per passione gestore di numerosi siti di montagna. Giorgio ama andare in montagna esplorando el numerose possibilità fuori e dentro di se... questo è il suo Blog!

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Altro in questa categoria: « Contusioni e distorsioni