Condividi la montagna

Scritto da

logo_aria_sottile

E ora che ho raccolto la tua attenzione... ti prego almeno una volta fermati a leggere questo stupido progetto...

La storia

Mi ritrovo a Campo Imperatore, incontro una vecchia conoscenza fatta sui sentieri qualche anno addietro. Ci guardiamo attorno, ci conosciamo tutti, più o meno... ci viene da ridere e diciamo: beh qui siamo i soliti quattro gatti, sono le solite facce note. Ci sono i montanari romani, qualche conoscenza di Ascoli Piceno, le solite facce di Pescara, del reatino, del teramano... e lo zoccolo duro degli aquilani.
Quando non ci incontriamo sui sentieri ci si incontra sui forum di montagna o nelle comunità virtuali della rete. Quando non ci incontriamo alle proiezioni di film di montagna ci incontriamo in qualche negozio per escursionisti e alpinisti. Non ci sono facce nuove. A costo di ripetermi direi proprio che siamo sempre i soliti quattro gatti.

Il perché...

Emozioni forti, emozioni che ti penetrano fin dentro l'anima. Ogni montanaro sa quanto sia entusiasmante l'esperienza della montagna: che sia arrampicare sulla roccia, conquistare una vetta o camminare in un bosco, che sia la ricerca di un vecchio rifugio o di una fonte d'acqua nascosta la montagna regala sempre nuove e intense emozioni.
Se hai vissuto queste sensazioni almeno una volta hai provato a coinvolgere amici o parenti perché condividere l'esperienza della vita in montagna sperando di rendere tutto ancora più emozionante con la vicinanza dei tuoi cari.
Ma quanti hanno veramente raccolto il tuo suggerimento? Pochi o forse nessuno... e se lo hanno fatto ti sei sentito dire che si la montagna è meravigliosa ma alzarsi presto il sabato o la domenica mattina è impossibile. Camminare ore poi... è così faticoso. Si bella la montagna ma il più delle volte gli amici e/o i parenti sono i primi a darti buca.

Il più delle volte è che francamente non riusciamo a comunicare loro che: la montagna non è solo fatica; la montagna non è solo piste da sci; la montagna non è solo sport estremi; la montagna non è freddo e desolazione; la montagna non uccide, la montagna non nasconde animali feroci come mostri...

In montagna ci sono fiori, sentieri, aree pic-nic per famiglie. In montagna ci sono i borghi antichi, i parchi avventura, ci sono le escursioni guidate nelle aree parco. In montagna c'è un prato verde dove stendersi al sole e ritrovare il relax.
In montagna c'è il punto di ristoro dove ti preparano una salsiccia o una braciola. In montagna c'è quel balcone panoramico che nessuno ti farà mai vedere in città. In montagna il cielo sembra più grande. In montagna i sensi si acuiscono (l'olfatto, la vista, il tatto, il senso dell'equilibrio) il corpo intero sembra riprendere vita.

Il progetto

L'idea di questo progetto è di coinvolgere chi solitamente NON frequenta la montagna, di coinvolgere il maggior numero di persone ad andare una volta di più a passeggiare nei boschi, a provare i sentieri, a vedere i panorami.
L'idea è di coinvolgere chi è sovrappeso, magari per perdere qualche chilo di troppo e riacquistare un poco di tono cardiaco. L'idea è quella di sperare che alcuni di loro, che solitamente non frequentano la montagna, una notte rimangano a dormire presso l'albergo o semplicemente presso un bed & breakfast, presso il rifugio così accogliente e portato avanti con amore e passione.
L'idea è quella di immaginare un modo non finisca nei centri commerciali. Dove l'educazione dei figli non si faccia portandoli a mangiare ai fast-food la domenica a pranzo.

Se hai vissuto l'esperienza entusiasmante della montagna, di un'escursione coinvolgente, hai provato la soddisfazione della stanchezza fisica, l'ebrezza di un panorama inaspettato... coinvolgi i tuoi amici... manda loro una mail... condividi su Facebook questo articolo e di ai tuoi amici di condividere questo progetto.
Ma non fermiamoci a condividere, diamoci appuntamento in montagna... affolliamo i rifugi... popoliamo i borghi, camminiamo i sentieri in compagnia di chi in montagna non c'è mai stato...

La promessa...

Quello che puoi rispondere a chi ti chiede per quale motivo si dovrebbe andare in montagna è: qualità della vita, recupero della serenità mentale e spirituale, gite fuori porta economiche e di grande soddisfazione, relax, benessere, e la possibilità di stupirsi ancora come raramente accade nella vita di tutti i giorni.

Andare in montagna per cambiare l'economia dei territori, riportando il turismo nei borghi che si spopolano, per cambiare il proprio stile di vita, andare in montagna per cambiare se stessi e il mondo.... con dolcezza e positività.

Andiamo in montagna!

Ultima modifica il Domenica, 03 Febbraio 2013 09:57
Giorgio Carrozzini

Consulente Web, Webmaster, nella costruzione di siti web di ogni dimensione ed importanza. Per passione gestore di numerosi siti di montagna. Giorgio ama andare in montagna esplorando el numerose possibilità fuori e dentro di se... questo è il suo Blog!